ELETTRODEPILAZIONE

Perchè L’elettrodepilazione è considerato uno dei metodi più efficaci per eliminare i peli superflui?

  1. L’elettrodepilazione permette di ottenere un risultato permanente, si potrebbe addirittura osare il termine “definitivo”.
  2. Funziona indipendentemente dal tipo di pelle e dalla quantità di peluria, e la sua efficacia aumenta laddove i peli ricrescono velocemente e sono molto folti.
  3. Una scossa elettrica ad intensità controllata, indebolisce il bulbo pilifero al punto da renderlo non è più in grado di far nascere nuova peluria.
  4. E’ un metodo depilatorio quasi indolore, il paziente potrebbe avvertire solo un leggero fastidio.

Che cos’è l’elettrodepilazione?

L’elettrodepilazione o anche epilazione con ago è un trattamento che si esegue su zone ben delimitate della pelle al fine di ottenere una depilazione definitiva. E’ una tecnica di estrema precisione, che grazie all’ausilio di aghi molto sottili  inseriti sotto pelle, attraverso una scarica elettrica di debole intensità direttamente alla base del bulbo pilifero,  rende quest’ultimo definitivamente non più in grado di far nascere nuova peluria. Gli aghi monouso, sono anche di diversi diametri e dovrà essere utilizzato l’ago con lo stesso diametro del pelo.  È una metodologia particolarmente indicata per trattare zone molto piccole, come baffetti e sopracciglia, è consigliata per combattere i caso di irsutismo.

Le scariche elettriche sono molto deboli e non dolorose, sebbene il paziente possa avvertire un leggero fastidio, le apparecchiature più avanzate sono in grado di assicurare un maggiore confort del paziente.

Nello specifico, i vantaggi di questa tecnica sono:

  • è una tecnica definitiva,
  • il risultato completo è raggiungibile dopo 7-10 trattamenti
  • agisce su punti del corpo ben precisi dove non è possibile agire più velocemente con i laser e la luce pulsata, evitando ciò che succede in molti centri non specializzati che usano laser su zone ampie e lametta sulle residuali zone con effetti antiestetici e una ricrescita veloce di peli scuri nelle zone trattate con lametta
  • si adatta alla clientela maschile, ad esempio per risolvere il problema dei peli del naso o i peli incarniti della barba
  • adatto anche per le sopracciglia unite.
  • funziona anche su peli e fototipi chiari.

E gli svantaggi?

Il primo tra tutti la lentezza del trattamento. Trattandosi di una tecnica che va ad agire sul singolo pelo, è necessario un lavoro molto lungo e minuzioso, che per forza di cose si rivela inadatto a zone del corpo molto estese, anche per i costi elevati, per questo motivo nei centri iperspecializzati sono presenti operatrici in gradi di valutare laddove i risultati migliori siano raggiungibili integrando l’utilizzo di tutte le tecniche di epilazione permanente, praticando un trattamento sartoriale in grado di fornire nel più breve tempo e nel modo più economico, un risultato uniforme e garantito

Gli eventuali effetti collaterali della depilazione con ago sono minimi, più che altro possono insorgere lievi arrossamenti e piccole crosticine nelle zone in cui è avvenuto l’inserimento dell’ago.
Eventuali inestetismi tendono a scomparire in tempi brevi. Nel caso, comunque si risolvono velocemente, ovviamente  si consiglia di non esporsi al sole per almeno un mese dopo l’ultima seduta di depilazione con ago, o comunque finché le crosticine non saranno andate via.
E’ consigliabile rasare i peli da trattare 3 o 4 giorni prima del trattamento, dal momento che i follicoli piliferi che si trovano nella fase di telogen (di riposo) sono più difficili da distruggere rispetto a quelli che stanno crescendo ( anagen).

In ogni caso, il successo del trattamento, la stabilità dei risultati e gli effetti collaterali, variano da persona a persona, anche in base al tipo di strumentazione utilizzata e all’abilità dell’operatore. Per questo motivo è molto importante informarsi preventivamente sull’esperienza e sulle certificazioni del professionista a cui ci si rivolge. 

È assolutamente controindicata l’elettrocoagulazione in pazienti che portano il pacemaker.